Final Cut Pro: Le Aspettative Future nell’Editing Video Professionale

Michelangelo Torres
3 min readJun 26, 2023
Final Cut Pro UI

Nell’ambito dell’editing video professionale, Final Cut Pro è un software di riferimento per filmmaker, video editor e colourist come me. In questo articolo, voglio condividere le mie aspettative e desideri per le future versioni di Final Cut Pro, esplorando le potenzialità di integrazione con iCloud, l’implementazione di strumenti avanzati di color grading, l’espansione delle funzionalità audio tramite Logic Pro e l’aggiunta della funzionalità di video transcribing. L’obiettivo è rendere l’esperienza di editing video ancora più efficace, creativa e all’avanguardia nel settore.

Integrazione con iCloud per un Lavoro Collaborativo Ottimizzato

Uno dei punti chiave che mi appassiona è l’integrazione di Final Cut Pro con iCloud, consentendo un lavoro collaborativo semplificato e ottimizzato. Immaginate di poter importare i file video direttamente dal cloud senza doverli scaricare immediatamente, utilizzando un sistema di collegamento simile agli alias di macOS. Questo consentirebbe un inizio rapido del montaggio, con la possibilità di scaricare i file solo quando necessario, ottimizzando l’archiviazione locale e agevolando la collaborazione con team remoti.

Implementazione di Strumenti Avanzati di Color Grading

Un altro aspetto che mi entusiasma per il futuro di Final Cut Pro è l’implementazione di strumenti avanzati di color grading, allineandosi a software di riferimento come DaVinci Resolve. L’integrazione di funzionalità come ACES (Academy Color Encoding System) offrirebbe un flusso di lavoro standardizzato e una gestione accurata del colore, garantendo una maggiore precisione e uniformità nell’elaborazione delle immagini. Questo consentirebbe ai professionisti del settore di avere un controllo creativo ancora più esteso, con opzioni avanzate per regolare tonalità, saturazione e curva dei colori.

Espansione delle Funzionalità Audio per una Qualità Sonora Eccellente

Oltre alle potenzialità nell’editing video, è fondamentale considerare anche le esigenze degli sound editor. Desidero che Final Cut Pro garantisca agli sound editor gli stessi standard offerti da software come Pro Tools o Cubase. L’espansione delle funzionalità audio attraverso l’integrazione con Logic Pro, il rinomato software di produzione musicale di Apple, consentirebbe agli sound editor di sfruttare appieno tutte le funzionalità avanzate per il mixing, l’editing e il mastering dei suoni. Ciò includerebbe un’interfaccia di lavoro fluida tra i due software, una gestione efficiente dei progetti condivisi e la possibilità di utilizzare plug-in audio di alta qualità direttamente all’interno di Final Cut Pro.

Video Transcribing: Una Funzionalità Indispensabile per il Documentario e Non Solo

Un ulteriore strumento che ritengo essenziale per Final Cut Pro è la possibilità di video transcribing. Questa funzionalità sarebbe estremamente utile per i professionisti del documentario e per coloro che lavorano in contesti in cui è richiesta una trascrizione accurata del dialogo. Grazie al video transcribing, sarebbe possibile convertire automaticamente l’audio in testo, semplificando la creazione di sottotitoli, il lavoro di traduzione e la ricerca di parti specifiche del video basate sul testo. Questo migliorerebbe la produttività e l’accessibilità, consentendo ai filmmaker di concentrarsi sulla narrazione e sull’efficacia comunicativa del loro lavoro.

Conclusioni

Nonostante le riserve iniziali sul subscription mode, sono disposto a fare un’eccezione per l’integrazione con iCloud, riconoscendo i vantaggi offerti per un lavoro collaborativo più efficiente. Sono convinto che l’implementazione di ACES, l’espansione delle funzionalità audio tramite Logic Pro e l’aggiunta della funzionalità di video transcribing rappresenterebbero passi significativi per migliorare l’esperienza di editing video con Final Cut Pro. Spero che Apple prenda in considerazione queste richieste e le proposte degli utenti, al fine di rendere Final Cut Pro ancora più completo, versatile e all’avanguardia nel settore dell’editing video professionale. Rispettando le esigenze degli utenti, mantenendo un modello di utilizzo accessibile e offrendo funzionalità innovative, Final Cut Pro potrebbe continuare a essere il software di riferimento per i professionisti del settore, consentendo loro di raggiungere risultati di alta qualità e superare le aspettative dei clienti. Il futuro di Final Cut Pro dipenderà dalla capacità di Apple di ascoltare e rispondere alle richieste degli utenti. Spero che l’azienda continui a investire nello sviluppo del software, implementando nuove funzionalità e migliorando l’esperienza complessiva. Con un impegno costante per l’innovazione e la soddisfazione degli utenti, Final Cut Pro può rimanere il punto di riferimento nell’editing video professionale, consentendo ai professionisti del settore di superare le aspettative dei clienti e raggiungere risultati straordinari.

--

--

Michelangelo Torres

Filmmaker, colorist, and motion graphic designer with a keen interest in short documentaries and brand films. My works at www.michelangelotorres.net